AIFA

AIFA spegne le speranze di una comunità

18 Novembre 2021 • Redazione

In occasione della Giornata Mondiale del Tumore del Pancreas 2021, con un tempismo cinico e irriguardoso per la sensibilità della comunità dei pazienti con tumore al pancreas,  l’AIFA spegne le speranze di una comunità non approvando la rimborsabilità del farmaco olaparib per i pazienti con mutazione BRCA germinale.

L’AIFA ha negato la rimborsabilità del farmaco Olaparib per i pazienti con tumore al pancreas portatori della mutazione germinale BRCA. 

Apprendiamo basiti quanto incomprensibilmente deciso con cinica insensibilità e maldestro tempismo, in corrispondenza della Giornata Mondiale del Tumore  del Pancreas 2021, da parte della Commissione Tecnica Scientifica, di AIFA relativamente alla non rimborsabilità del farmaco olaparib.

Lo studio di Fase III POLO, che ha verificato l’impatto del farmaco olaparib  per i pazienti con mutazione BRCA1/2 ereditata,  ha pienamente raggiunto il suo obiettivo, endpoint, primario: il prolungamento della vita libera da progressione di malattia senza deteriorane la qualità.

La sopravvivenza a 2-3 anni è consistentemente aumentata, ancorché non in modo statisticamente significativo.

Siamo convinti che la valutazione del valore di un farmaco non possa limitarsi al solo prolungamento della vita, indipendentemente da ogni altra considerazione. In ogni caso, il beneficio di sopravvivenza prolungato per un sottogruppo di pazienti, peraltro superiore a quanto osservato con gli schemi chemioterapici autorizzati per la prima linea terapeutica, è un evento estremamente prezioso e insolito nella cura del tumore del pancreas.

Riteniamo che questa decisione, oltre a spegnere la speranza dei pazienti affetti da tumore del pancreas, produca incalcolabili danni sotto ogni profilo umano, culturale e scientifico, disconoscendo il valore del tempo che le persone trascorrono senza segni e sintomi correlati alla malattia e libere dalla tossicità fisica e psicologica di impegnativi trattamenti chemioterapici, ostacolando la crescita culturale di una comunità alimentando quel diffuso nichilismo che aleggia non solo nella comunità dei pazienti ma in quella dei medici  scoraggiando futuri investimenti di ricerca nel settore.

Sottolineiamo che il costo per le casse dello Stato di questo trattamento sarebbe stato risibile poiché sono circa 50 pazienti per anno che potrebbero beneficiare dei vantaggi del farmaco.

Chiediamo una immediata rivalutazione della decisione.

Condividi questo articolo

Leggi tutti
i post

AIFA

AIFA spegne le speranze di una comunità

18 Novembre 2021 • Redazione

In occasione della Giornata Mondiale del Tumore del Pancreas 2021, con un tempismo cinico e irriguardoso per la sensibilità della comunità dei pazienti con tumore al pancreas,  l’AIFA spegne le speranze di una comunità non approvando la rimborsabilità del farmaco olaparib per i pazienti con mutazione BRCA germinale.

L’AIFA ha negato la rimborsabilità del farmaco Olaparib per i pazienti con tumore al pancreas portatori della mutazione germinale BRCA. 

Apprendiamo basiti quanto incomprensibilmente deciso con cinica insensibilità e maldestro tempismo, in corrispondenza della Giornata Mondiale del Tumore  del Pancreas 2021, da parte della Commissione Tecnica Scientifica, di AIFA relativamente alla non rimborsabilità del farmaco olaparib.

Lo studio di Fase III POLO, che ha verificato l’impatto del farmaco olaparib  per i pazienti con mutazione BRCA1/2 ereditata,  ha pienamente raggiunto il suo obiettivo, endpoint, primario: il prolungamento della vita libera da progressione di malattia senza deteriorane la qualità.

La sopravvivenza a 2-3 anni è consistentemente aumentata, ancorché non in modo statisticamente significativo.

Siamo convinti che la valutazione del valore di un farmaco non possa limitarsi al solo prolungamento della vita, indipendentemente da ogni altra considerazione. In ogni caso, il beneficio di sopravvivenza prolungato per un sottogruppo di pazienti, peraltro superiore a quanto osservato con gli schemi chemioterapici autorizzati per la prima linea terapeutica, è un evento estremamente prezioso e insolito nella cura del tumore del pancreas.

Riteniamo che questa decisione, oltre a spegnere la speranza dei pazienti affetti da tumore del pancreas, produca incalcolabili danni sotto ogni profilo umano, culturale e scientifico, disconoscendo il valore del tempo che le persone trascorrono senza segni e sintomi correlati alla malattia e libere dalla tossicità fisica e psicologica di impegnativi trattamenti chemioterapici, ostacolando la crescita culturale di una comunità alimentando quel diffuso nichilismo che aleggia non solo nella comunità dei pazienti ma in quella dei medici  scoraggiando futuri investimenti di ricerca nel settore.

Sottolineiamo che il costo per le casse dello Stato di questo trattamento sarebbe stato risibile poiché sono circa 50 pazienti per anno che potrebbero beneficiare dei vantaggi del farmaco.

Chiediamo una immediata rivalutazione della decisione.

Condividi questo articolo

Leggi tutti
i post

AIFA

AIFA spegne le speranze di una comunità

18 Novembre 2021 • Redazione

In occasione della Giornata Mondiale del Tumore del Pancreas 2021, con un tempismo cinico e irriguardoso per la sensibilità della comunità dei pazienti con tumore al pancreas,  l’AIFA spegne le speranze di una comunità non approvando la rimborsabilità del farmaco olaparib per i pazienti con mutazione BRCA germinale.

L’AIFA ha negato la rimborsabilità del farmaco Olaparib per i pazienti con tumore al pancreas portatori della mutazione germinale BRCA. 

Apprendiamo basiti quanto incomprensibilmente deciso con cinica insensibilità e maldestro tempismo, in corrispondenza della Giornata Mondiale del Tumore  del Pancreas 2021, da parte della Commissione Tecnica Scientifica, di AIFA relativamente alla non rimborsabilità del farmaco olaparib.

Lo studio di Fase III POLO, che ha verificato l’impatto del farmaco olaparib  per i pazienti con mutazione BRCA1/2 ereditata,  ha pienamente raggiunto il suo obiettivo, endpoint, primario: il prolungamento della vita libera da progressione di malattia senza deteriorane la qualità.

La sopravvivenza a 2-3 anni è consistentemente aumentata, ancorché non in modo statisticamente significativo.

Siamo convinti che la valutazione del valore di un farmaco non possa limitarsi al solo prolungamento della vita, indipendentemente da ogni altra considerazione. In ogni caso, il beneficio di sopravvivenza prolungato per un sottogruppo di pazienti, peraltro superiore a quanto osservato con gli schemi chemioterapici autorizzati per la prima linea terapeutica, è un evento estremamente prezioso e insolito nella cura del tumore del pancreas.

Riteniamo che questa decisione, oltre a spegnere la speranza dei pazienti affetti da tumore del pancreas, produca incalcolabili danni sotto ogni profilo umano, culturale e scientifico, disconoscendo il valore del tempo che le persone trascorrono senza segni e sintomi correlati alla malattia e libere dalla tossicità fisica e psicologica di impegnativi trattamenti chemioterapici, ostacolando la crescita culturale di una comunità alimentando quel diffuso nichilismo che aleggia non solo nella comunità dei pazienti ma in quella dei medici  scoraggiando futuri investimenti di ricerca nel settore.

Sottolineiamo che il costo per le casse dello Stato di questo trattamento sarebbe stato risibile poiché sono circa 50 pazienti per anno che potrebbero beneficiare dei vantaggi del farmaco.

Chiediamo una immediata rivalutazione della decisione.

Condividi questo articolo

Leggi tutti
i post